Question time: Martina risponde a Matarrese su emergenza neve in Puglia.

Il Ministro delle politiche agricole ha risposto al mio question time relativo all’emergenza verificatasi in Puglia a seguito delle intense gelate e nevicate nei giorni 5, 6, 7, 8 gennaio 2017 che hanno posto in seria difficoltà non solo i cittadini ma anche le imprese sul territorio.

Tramite l’interrogazione ho chiesto al Governo di chiarire le tempistiche di adozione del provvedimento di declaratoria dello stato di calamità per l’emergenza registrata e di altre specifiche misure dirette ad indennizzare le aziende che hanno subito danni a causa delle condizioni meteorologiche avverse e ho chiesto anche di sapere quali saranno i tempi effettivi entro cui le imprese potranno ricevere gli indennizzi.

Ho accolto con soddisfazione la risposta del Ministro soprattutto perché ha evidenziato che benchè gli interventi compensativi ex-post del Fondo di Solidarietà Nazionale per il sostegno alle imprese agricole colpite da avversità atmosferiche eccezionali siano attivabili solo per le colture e le strutture agricole non comprese nel piano assicurativo annuale per la copertura dei rischi con polizze assicurative agevolate, stanno lavorando per consentire, in via straordinaria e temporanea, l’attivazione di tali interventi anche per i danni subiti alle produzioni agricole e alle strutture aziendali assicurabili.

L’attivazione in via straordinaria degli interventi del Fondo rappresenta un segno evidente dell’intenzione del Governo di voler sostenere il comparto agricolo che, a causa dello scarso utilizzo degli strumenti assicurativi, non potrebbe altrimenti contare su alcuna forma di indennizzo e rischierebbe di vedere compromessa la ripresa economica e produttiva dell’attività.

L’attivazione dello strumento del Fondo consente alle imprese danneggiate dagli eventi di godere di tutti gli interventi di sostegno previsti a legislazione vigente, quali in particolare l’erogazione di contributi in conto capitale fino all’80 % del danno sulla produzione lorda vendibile ordinaria, l’attivazione di prestiti ad ammortamento quinquennale per le maggiori esigenze di conduzione aziendale, la proroga delle rate delle operazioni di credito in scadenza, l’esonero parziale dal pagamento dei contributi previdenziali assistenziali propri e dei propri dipendenti, e l’ottenimento di contributi in conto capitale per il ripristino delle strutture aziendali danneggiate e per la ricostruzione delle scorte eventualmente compromesse e distrutte.

Per quanto riguarda le tempistiche del processo di indennizzo, il Ministro ha comunicato che è stato avviato l’iter per la dichiarazione dello stato di eccezionale avversità atmosferica in Puglia e che è in via di completamento la preliminare e necessaria rilevazione e stima dei danni da parte della Regione Puglia a seguito del quale saranno concessi i rimborsi alle imprese danneggiate.

 

Il testo del question time.

 

Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Assemblea 3-02746

presentato da

MATARRESE Salvatore

testo di

Martedì 31 gennaio 2017, seduta n. 733

MATARRESE, DAMBRUOSO e VARGIU. – Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali . – Per sapere – premesso che:
le intense nevicate e gelate verificatesi in Puglia nei giorni 5, 6, 7, 8 gennaio 2017 hanno posto in seria difficoltà non solo i cittadini, ma anche le imprese sul territorio;
secondo quanto si evince dai dati stimati delle associazioni di categoria e dagli enti locali, pare che neve e gelo abbiano provocato danni irreparabili e per milioni di euro al comparto ortofrutticolo, vitivinicolo, vivaistico, lattiero caseario, agli allevamenti, nonché alle strutture e infrastrutture rurali di Bari, Barletta Andria Trani, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto;
sarebbero migliaia gli ettari di verdure pronte per la raccolta ma bruciate dal gelo; ci sarebbero serre danneggiate o distrutte sotto il peso della neve, animali morti, dispersi e senz’acqua a causa del congelamento delle condutture;
nelle zone della Murgia, in particolare nei comuni di Altamura, Santeramo, Cassano e Laterza Ginosa, si sono verificati danni rilevanti agli allevamenti, mentre nei comuni di Castellaneta e Ginosa si registrano notevoli danni alle colture orticole e alle coltivazioni di uva da tavola;
alcune aziende zootecniche della Murgia non hanno potuto conferire il latte ai caseifici e sono state costrette a smaltirlo quale rifiuto speciale, con ulteriori costi a carico delle aziende stesse;
a causa dell’impossibilità di transitare in molti tratti della rete stradale pugliese, si è registrato il totale isolamento di molte aziende che non hanno potuto trasportare il prodotto su gomma, con conseguenti gravi danni economici;
secondo Coldiretti, le consegne di ortaggi si sarebbero ridotte del 70 per cento sia perché bruciati in campo dal gelo, sia perché i mezzi non hanno potuto circolare;
la regione Puglia ha approvato «la dichiarazione dello stato di crisi in agricoltura per tutto il territorio regionale, a seguito delle eccezionali avversità atmosferiche del 5, 6 e 7 gennaio» –:
se e quando intenda adottare il provvedimento di declaratoria dello stato di calamità per l’emergenza registrata in Puglia e altre specifiche misure dirette ad indennizzare le aziende che hanno subito danni a causa delle condizioni meteorologiche particolarmente avverse, nonché quali saranno i tempi effettivi entro cui le imprese potranno ricevere gli indennizzi.
(3-02746)

Leave a reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.